Mitsuo Yamaki
(山木 満雄)
Mitsuo.gif
Profilo
Apparizioni Digimon Tamers
Prima apparizione Il ritorno dei Digimon
Ultima apparizione Digimon Tamers 2018: Days -Jōhō to Hi Nichijō-
Età 32
Genere Maschio
Nazionalità Giapponese
Occupazioni Agente del governo
Capo di Hypnos
capo di Nyx
Doppiatori
In giapponese Susumu Chiba
In italiano Alessio Cigliano

Mitsuo Yamaki è un personaggio secondario in Digimon Tamers, prima antagonista e poi alleato dei protagonisti.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Yamaki non è solito mostrare le proprie emozioni: ha un pessimo ma ben controllato carattere, cosa che lo rende spaventoso nei rarissimi momenti in cui la sua rabbia si mostra. Yamaki è il capo dell'agenzia Hypnos ed è il responsabile del suo sistema operativo, usato per monitorare le reti di comunicazione della Terra e registrando informazioni.

All'inizio Yamaki vede i Digimon come una minaccia per l'umanità, ma più avanti realizza che i suoi tentativi di sterminare i Digimon hanno reso il mondo reale più vulnerabile. Yamaki quindi collabora con i Domatori, riconoscendo Takato come loro leader, e si preoccupa per la loro sicurezza.

Yamaki ha una relazione con Reika Ootori.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Mitsuo (満雄) è un nome maschile giapponese che può significare diverse cose in base ai kanji usati per scriverlo. In questo caso vengono usati 満 (abbastanza / pienezza) e 雄 (eccellente / eroe / capo).

Yamaki (山木) è un cognome giapponese che significa "albero della montagna".

Storia[modifica | modifica sorgente]

Yamaki nasce nel 1969. Nel 2001 è un agente del governo e ha assunto diversi incarichi prima di diventare il capo dell'agenzia governativa Hypnos. Nel corso dei monitoraggi sulla rete Hypnos scopre l'esistenza dei Digimon, che bioemergono attraverso la Rete dal mondo digitale a quello reale. In primavera tra le tracce che seguono c'è quella di Guilmon: Yamaki manda un'equipe a setacciare il parco di Shinjuku, ma non riescono a trovarlo. s3ep03 Yamaki elabora il programma Yuggoth per tracciare ed eliminare i Digimon nel mondo reale, ma Takato e gli altri liberano Guilmon dalla trappola. Pur non conoscendo ancora la loro identità, Yamaki si accorge che qualcuno interferito nell'operazione. s3ep07 Passa poco tempo prima che Yamaki individui i Domatori, ma si limita a tenerli sotto osservazione mentre mette a punto il programma Shaggai, che una volta attivato comincia ad attirare e distruggere tutti i Digimon nel mondo meale. Yamaki ha poco tempo per gioire della sua vittoria sui Digimon: a causa di Shaggai Mihiramon è in grado di bioemergere sulla torre di Hypnos, proclamando la superiorità dei Digimon sugli umani, tormentando Yamaki e costringendo Hypnos a interrompere il programma. Mihiramon viene fermato da WarGrowlmon e l'evento segna il fallimento dei piani di Yamaki e l'inizio dei suoi ripensamenti sul ruolo di alcuni Digimon. s3ep14

Yamaki e Hypnos continuano a seguire i segnali dei Digimon che appaiono nel mondo reale, ma la loro potenza preoccupa Yamaki: infatti i Deva sono più potenti dei Digimon apparsi in precedenza. Yamaki non sa come occuparsi di questa minaccia dato che Shaggai si è rivelato più pericoloso del previsto. La sede di Hypnos decodifica il messaggio "Noi siamo Deva": Yamaki la prende come una sfida personale tra l'umanità e le creature digitali e rintraccia i Pionieri Digitali, che avevano creato i Digimon negli anni Ottanta, formando un team che dovrebbe essere più efficace nell'eliminarli. s3ep20 A settembre Yamaki fa attivare il nuovo Shaggai, un'arma potentissima che permetterebbe di eliminare anche i Deva. Janyu Wong cerca inutilmente di fermare Shaggai, ma alla fine è Makuramon a interrompere il programma: questo permette a Vikaralamon di attaccare la città e, nonostante l'intervento militare, le ricerche di Hypnos e i piani di Yamaki vengono distrutti. s3ep23

Yamaki non prende bene la propria sconfitta: non ha impedito che i Digimon distruggessero Hypnos, non è riuscito a fermare Vikaralamon, e per di più sono stati altri Digimon a risolvere le cose. Reika lo spinge a riprendere in mano la situazione, stavolta però aiutando i Domatori che hanno deciso di andare a Digiworld per salvare Calumon. Yamaki lascia loro un apparecchio per tenersi in contatto. s3ep24 Tempo dopo i bambini trovano Calumon e contattano Yamaki per tornare a casa, ma nel frattempo Hypnos ha lavorato al perfezionamento di Shaggai all'insaputa di Yamaki. A causa della riattivazione di Shaggai si scatena una terribile tempesta a Digiworld che separa i Domatori, e troppo tardi Yamaki ordina di fermare e abbandonare definitivamente il progetto Shaggai. s3ep30 Yamaki e i Pionieri Digitali convocano i genitori dei Domatori per metterli al corrente di dove si trovano i loro figli, ma in quell'occasione Takato comunica loro che si sono persi e che hanno qualche difficoltà. s3ep32 Janyu e Yamaki parlano al parco dell'importanza di ritrovare Shibumi in qualche modo, ma Suzie giocando finisce accidentalmente a Digiworld. s3ep33 Poco dopo la presenza di Megidramon avvia il collasso dell'intero Digiworld e i segni si vedono anche nel mondo reale. I Pionieri Digitali e Hypnos intanto progettano l'Arca, un mezzo di trasporto che nel febbraio del 2002 viene mandato a Digiworld per riportare indietro i bambini. s3ep41

Poche ore dopo il ritorno dei bambini il D-Reaper appare nel mondo reale e copre Shinjuku. Hypnos e i Pionieri Digitali creano un nuovo centro operativo mentre Yamaki, Reika e Megumi si rimettono in contatto con Takato, Henry e Rika. Il D-Reaper crea ADR sempre più forti e mostruosi, ma durante la battaglia contro ADR-07 i Pionieri Digitali e Hypnos fanno bioemergere Grani, l'Arca modificata per combattere il D-Reaper che diventa il mezzo di trasporto di Gallantmon, permettendogli di muoversi più velocemente. s3ep47 Yamaki fa installare Yuggoth in Grani nella speranza che danneggi maggiormente il D-Reaper. Yamaki assiste i Pionieri Digitali nello svolgimento dell'Operazione Buco Nero, che porta alla distruzione definitivamente del D-Reaper. Qualche tempo dopo Reika e Yamaki sono clienti abituali al negozio della famiglia Matsuki. s3ep51

Il coinvolgimento di Hypnos ha permesso ai bambini di passare inosservati quando l'incidente del D-Reaper faceva ancora scalpore, ma successivamente se ne parla sempre meno. Diversi mesi dopo l'incidente Yamaki fa isolare un nuovo campo digitale che Takato ha trovato nel parco, e lavora con i Pionieri Digitali per rimpicciolirlo fino a farlo scomparire. A quasi un anno dalla fine del D-Reaper i bambini chiedono aiuto a Yamaki per far arrivare a Digiworld dei messaggi per i loro Digimon. MitP

Hypnos smette di esistere. Yamaki si dimette e lavora per un paio di anni nel progetto World Wide Mesh. Nel 2015 il governo giapponese emana il Cybersecurity Act e forma Nyx, una nuova organizzazione per proteggere il mondo reale dalle minacce di Digiworld. Yamaki viene messo al comando di Nyx, che nel 2018 individua la minaccia del Malice Bot. Henry e Rika a collaborano con Nyx, ma Takato è scomparso da un anno. Yamaki e Henry sviluppano una macchina che permette la realizzazione nel presente di Takato dal passato, ma la macchina riesce a prendere solo il Takato del 2003. Il Malice Bot entra in contatto col mondo reale e per fermarlo Yamaki usa quella stessa tecnologia per far arrivare i Digimon dei domatori nel mondo reale. La storia viene lasciata in sospeso e vengono date delle anticipazioni come se dovesse esserci un episodio successivo. DT2018

Altre apparizioni[modifica | modifica sorgente]

Digimon Tamers: Digimon Espresso in Fuga

Yamaki fa isolare il percorso dei binari dove corre Locomon. DEiF

Digimon Tamers (manga)

Yamaki esce di scena dopo il ritorno dei bambini da Digiworld. DT (manga)

 Musica[modifica | modifica sorgente]

Yamaki ha una image song interpretata da Susumu Chiba: "Black X'mas - Yamaki no Theme" (Natale Nero - Musica di Yamaki).

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Yamaki ha l'abitudine di aprire e chiudere compulsivamente il suo accendino.

Galleria [modifica | modifica sorgente]

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.